ipomoea-batatas
Oggi parliamo della Ipomoea batatas, meglio conosciuta con il nome di “Patata Americana”, anche se in realtà questo tubero, della famiglia delle Convolvulaceae, non ha molto da spartire con la comune patata, quest’ultima appartenente alla famiglia delle Solanacee, tutt’al più le apparenta, alla lontana, lo stesso ordine.
L’ipomoea batatas è originaria dell’America centro meridionale e viene coltivata a scopo alimentare nei paesi in via di sviluppo, principalmente per i tuberi dolciastri e ricchi di amido.
Anche in Italia è in piccola parte coltivata come prodotto agroalimentare ma è molto diffusa come pianta ornamentale da appartamento e l’autunno è il periodo in cui la troviamo in vendita e il momento giusto per coltivarla, anche per vivacizzare un po’ la casa durante questi mesi nei quali l’attività vegetativa di molte piante da interno si arresta. Inoltre, particolare non trascurabile, è estremamente economica.

E, aggiungo, molto facile da coltivare. Anche per chi ha il pollice “nero” infatti è davvero semplice ottenere una bella pianta ad effetto in pochissimo tempo, basta avere poche accortezze.
Innanzitutto bisogna dire che la coltivazione avviene in idrocoltura, basta procurarsi un barattolo in vetro trasparente o un bicchiere, riempirlo d’acqua ed immergervi, sollevato dal fondo, il tubero per circa metà della sua altezza, mentre la restante parte dovrà rimanere fuori dal contenitore. L’esposizione dovrà essere luminosa, anche in pieno sole per qualche ora, e la temperatura dovrà essere superiore ai 13° centigradi. Assicurando alla pianta queste condizioni, riscontrabili in qualsiasi appartamento, vedrete che nel giro di qualche giorno cominceranno a spuntare all’interno del vaso le prime radici, mente dalla porzione esterna germoglieranno i fusti dai quali non tarderanno a crescere le tenere foglie di colore verde chiaro. Già dopo un paio di mesi avrete una pianta con fusti molto lunghi pieni di foglie che potrete fare arrampicare su tralicci o altri sostegni, ma l’effetto migliore, secondo me, lo si ottiene facendola calare da panieri appesi o adagiando il vaso su una mensola. L’unica cura richiesta è quella di assicurarsi che nel vaso ci sia sempre acqua che dovrà essere aggiunta, a temperatura ambiente, facendo attenzione che le radici siano sempre immerse.
Per tutto l’inverno potrete godervi questa pianta con pochissimo impegno e pochissima spesa. Giunta la primavera le foglie cominceranno ad ingiallire e a diradarsi e a quel punto la patata dovrà essere scartata ma in quel periodo non mancheranno di certo degne sostitute.
Foto di cobalt123

Leggi anche:
Petunia, una festa di colori, facile ed economicaColoratissime, semplici da coltivare e veramente a buon mercato: di sicuro le petunie sono piante che mi sento vivamente di consigliarvi. Le piante di petunia che si trovano in commercio...
Delosperma cooperi, bella, facile e resistenteQualche tempo fa, durante una passeggiata, mi sono imbattuta in una pianta tappezzante e strisciante caratterizzata da piccole e fitte foglie “cicciottelle” (che per questo tradivano un’origine “succulenta”) un po’...
Iris, bella, profumata e facile da coltivareL’Iris è un genere composto da erbacee perenni appartenenti alla famiglia della Iridaceae e comprende circa 200 specie. È molto diffuso in Europa  e cresce spontaneamente  anche in diverse regioni...
Il Pothos, più facile di così…Ok, ho la pianta che fa per voi. A voi che cercate la pianta perfetta per il vostro appartamento che sia bella verde, facile e poco esigente, faccio un nome:...
Dure a morire: 5 piante da appartamento a prova di “pollice nero”L’altro giorno o incontrato una carissima amica che non rivedevo da una vita e, parlando del più e del meno, è saltata fuori dicendomi che aveva visto questo blog; dopo...