Lombricoltura: Attività (redditizia) o passatempo?

Lombricoltura su Florablog
Dopo molto (ma molto) tempo mi ritrovo a scrivere di lombricoltura su questo blog sperando come al solito che queste poche righe possano servire sia a chi legge, per trovare qualche informazione utile, che a chi scrive, curioso di capire se l’argomento suscita interesse.
Inizio subito cercando di rispondere alla domanda posta nel titolo. Secondo noi (siamo due “sociamici” non uso il plurale a caso) difficilmente si può pensare di cambiare lavoro dedicandosi esclusivamente all’allevamento degli anellidi. Cercherò di spiegare da cosa deriva questa convinzione semplicemente raccontando la nostra esperienza, senza la pretesa di approfondire tutti gli aspetti dell’argomento dato che la materia è ampia (sono stati scritti libri a tal proposito) e io non sono certo in grado di insegnare niente.
Read More

Antirrhinum, la Bocca di leone è il bel fiore alla portata di tutti

Antirrhinum, la Bocca di leone è il bel fiore alla portata di tutti
Ecco una pianta che fa veramente al caso di tutti. Facilissima da coltivare, di molti colori, adatta sia al giardino che al terrazzo e che, volendo, con pochi accorgimenti, fiorisce gran parte dell’anno.
Stiamo parlando dell’Antirrhinum majus, ossia della buona, cara, vecchia Bocca di leone.  Quando ero piccola staccavo i fiori (di nascosto da una zia bisbetica) e mi divertivo a schiacciarli di lato per vedere appunto, la “bocca” aprirsi.
Read More

Manifesto contro la capitozzatura della piante ad alto fusto

Ho conosciuto Paolo al Roseto Carla Fineschi (sono sue le abili mani che realizzano gli innesti sulle rose) e la sua passione e la sua competenza sono evidenti se hai la fortuna di poterci parlare. Gli ho detto che, se aveva tempo e voglia, avrei ritenuto un onore ospitare qulalche suo intervento. Detto fatto: Paola ha preparato questo interessante manifesto contro la capitozzatura degli alberi che vi invito a leggere. In realtà il post era pronto da un pezzo ma i luttuosi fatti che hanno colpito questo blog ne hanno ritardato la pubblicazione, me ne scuso con l’autore ma avrei di gran lunga preferito pubblicarlo mesi fa…
Buona lettura. Gianni

Per il mio primo articolo vorrei mettervi a conoscenza, tramite le foto di alcuni esempi, della situazione a cui vanno incontro gli alberi quando si decide di potarli usando una tecnica che si chiama “capitozzatura”. Si precisa che non essendo dottore forestale le mie sono valutazioni indicative, alle quali però è possibile far seguire perizie legalmente valide.
Read More

Alberi monumentali, i platani di Castellanza (VA)

Alberi monumentali, i platani di Castellanza (VA)

Ormai un classico come la Milano-Sanremo, anche questo venerdì si rinnova l’appuntamento con il fotocensimento degli alberi monumentali. Colgo l’occasione per rassicurare alcuni partecipanti al concorso che, non vedendo pubblicate le loro gallerie, si sono preoccupati sul destino dei loro scatti: tranquilli, prima o poi verranno pubblicati tutti ma purtroppo il blog è rimasto inattivo per diverso tempo (e visto il motivo era meglio scrivere per tutto il periodo…), la frequenza di pubblicazione è per l’appunto settimanale e soprattutto le segnalazioni vanno oltre le più rosee aspettative per cui, un poco alla volta, riusciremo a segnalarli tutti e mostrare tanti altri bellissimi alberi. Come del resto lo sono i platani pubblicati oggi.
Read More

Pervinca, la “rondine dei fiori”

Pervinca
Salve a tutti. Dopo tanto tempo rieccomi a dare un piccolo contributo a Florablog. Oggi vi parlerò di una pianta piuttosto semplice da coltivare, la Vinca, detta comunemente Pervinca. È uno dei primi fiori a comparire in primavera e per questo si è guadagnata l’appellativo di “rondine dei fiori”. L’ho scoperta per caso anni fa durante una passeggiata primaverile ed ha attirato la mia attenzione per i delicati fiori color blu chiaro-viola, ma poi ho notato i lunghi fusti fini che ricadevano sul muro con foglie verdi ed il  margine giallo chiaro (Vinca major marginata), veramente carini. Ovviamente non ho resistito e ho preso in “prestito” un rametto con tanto di radice (per essere più sicura dell’attecchimento), però non ho fatto danni, giuro! Da allora la coltivo con grandi soddisfazioni.
Read More

Da Florablog nasce Grow the Planet, il primo social network dedicato alla coltivazione dell’orto

Grow the planet - It's time to grow up and make a better world.
A volte la vita prende strade che non ti saresti mai e poi mai sognato di percorrere, ve lo testimonio personalmente. Tutto è iniziato da questo blog, nato un po’ per gioco e un po’ per (molta) passione dove ho potuto, tra le altre cose, constatare di persona il grande interesse che è (ri)esploso intorno all’orto, anche perché questo è sempre stato un argomento principe di Florablog.
Scrivendo sull’argomento, confrontandomi e rispondendo ai lettori ho aumentato la mia esperienza sull’orto ma mi sono presto reso conto che un blog era uno strumento insufficiente per soddisfare tutte le richieste che giungevano sul tema; serviva qualcosa di più, per esempio un sito completamente dedicato alla materia;  ho girato un po’ intorno al concetto fino a a quando non mi è venuta un’idea nata da una banale constatazione: chi ha un orto (o un parente o un amico che lo coltiva) sa infatti benissimo che, nel picco di produzione, spesso un ortaggio è disponibile in abbondanza per la propria famiglia, per i parenti, per gli amici, per gli amici degli amici ecc.; così mi sono chiesto: perché non organizzare un sistema di scambio di ortaggi tra le persone?
“Ehi!” mi sono detto “ma questa è solo una parte, per creare una piattaforma completa dedicata alla coltivazione dell’orto servono come minimo anche: uno spazio di socializzazione, una parte didattica, la progettazione e la gestione dell’orto, il tutoraggio, il supporto alla coltivazione e ovviamente un nome”. Che ho trovato di lì a poco: Grow the Planet.
Read More