Grow

Solarizzazione in agricolturaCon l’arrivo dell’estate abbiamo a disposizione un procedimento di lotta biologica che consente di ridurre il contenuto di patogeni negli strati superficiali del terreno. La solarizzazione è infatti un processo che può essere assimilato ad una pastorizzazione del terreno attraverso la cattura dell’energia solare mediante l’utilizzo di materiale plastico (ma oggi sono reperibili materiali biodegradabili a base di amido) che viene disteso a terra. Se ben condotto questo processo consente la drastica riduzione di patogeni termolabili oltre all’eliminazione delle malerbe.

Il protrarsi di elevate temperature (si parla anche di 40-50 gradi) per più giorni provoca una severa riduzione della microflora e della microfauna presente nei primi strati del terreno, cioè quelli esplorati dagli apparati radicali della maggior parte delle colture orticole o delle erbe.

Oltre alla morte della maggior parte dei microrganismi, l’efficacia di questo procedimento si manifesta anche con effetti indiretti come un generale indebolimento dei microrganismi più resistenti che risultano quindi più suscettibili agli antagonisti naturali.

Esperienze dimostrano infatti che la flora antagonista utile essendo più termo tollerante si riduce in misura meno drastica rispetto ai parassiti e manifesta una capacità di ricolonizzazione molto più elevata di diversi patogeni.

È ormai ampiamente documentato che nei terreni a matrice sabbiosa si ha un maggior trasferimento di calore agli strati più profondi rispetto ai terreni argillosi e di conseguenza, una maggior efficacia della solarizzazione.

La solarizzazione è un procedimento che può essere eseguito soltanto nei mesi più caldi e deve essere preceduto da una lavorazione profonda del terreno che deve poi essere sistemato come se ci si apprestasse all’impianto.

Il terreno deve poi essere irrigato abbondantemente (a capacità di campo), dopodiché su di esso viene steso un film di materiale trasparente (EVA o PVC ma cercate di utilizzare materiali biodegradabili per non inquinare con le plastiche) che deve essere fatto aderire al terreno ed interrandone i bordi per circa 30 cm, cosi da avere una tenuta stagna.

Il terreno deve poi essere lasciato coperto per 5-6 settimane, dopodiche si toglie il telo e si procede alla semina.

Qualora al termine del ciclo di solarizzazione fosse necessaria una lavorazione del terreno, essa va limitata agli strati più superficiali.

Se avete programmato la semina del prato ad inizio autunno, utilizzare questo processo rappresenta, per i tempi di realizzazione e per l’ampio spettro d’efficacia, un’ottima alternativa all’utilizzo di diserbanti ed anticrittogamici.

  • paolo lepri

    Ottimo sistema di lotta contro i parassiti terricoli ( prevalentemente funghi patogeni) a cui possono essere abbinati altri mezzi di lotta integrata: funghi antaganisti ( trichoderma viride harzianum e biofumigazioni attraverso sovesci di brassicacee ad azione di controllo dei nematodi)

  • Alberto

    Ma questi teli in EVA o PVC di cui si parla sono riutilizzabili? Se sì, per quanti anni lo sono?

  • http://www.florablog.it Gianni

    Ciao Alberto, sì sono riutilizzabili ma per quanti anni dipende dalla loro resistenza e dall’utilizzo che se ne fa, 2 o 3 anni senza problemi poi, essendo tenuti al sole per diverse settimane, ci sta che comincino a dare segni di cedimento.
    A presto

  • Margi

    Abbiamo una grande quantitu00e0 di PVC vegetale -senza DOPrnche puu00f2 essere usato per produrre questi teli. aiutatemi a trovare un possibile produttore (giu00e0 inserito) di teli -rnConosciamo chi potrebbe produrli in grande quantitu00e0 ci servirebbe anche solo chi ci fornisce la commercializzazione o fornisce informazione sui possibili utilizzatorirnmargi@margi.org

  • Margi

    Abbiamo una grande quantità di PVC vegetale -senza DOP
    che può essere usato per produrre questi teli. aiutatemi a trovare un possibile produttore (già inserito) di teli –
    Conosciamo chi potrebbe produrli in grande quantità ci servirebbe anche solo chi ci fornisce la commercializzazione o fornisce informazione sui possibili utilizzatori
    margi@margi.org

  • Luigi

    Vorreiu00a0informazioni piu00f9 approfondite riguardo ai teli biodegradabili. Saluti.u00a0

  • Luigi

    Vorreiu00a0informazioni piu00f9 approfondite riguardo ai teli biodegradabili. Saluti.u00a0