hedera-helix
Sono iniziati i freddi invernali e con essi arrivano i primi raffreddori e i primi malanni; l’importante è coprirsi bene ed evitare i colpi di freddo, ma se nonostante queste attenzioni la gola si arrossa o se si avvertono i sintomi del raffreddamento, la fitoterapia, in questi casi, ci può dare una mano con l’edera.
L’edera (Hedera helix) appartiene alla famiglia delle Araliaceae, le cui foglie si raccolgono durante tutto l’anno, ma è meglio farlo durante i mesi giugno – agosto quando sono ben sviluppate, evitando di mescolarci i frutti perché questi ultimi sono particolarmente velenosi. Le sue proprietà sono conosciute dai tempi dei Greci e dei Romani: Plinio il Vecchio ci tramanda di come le proprietà medicinali dell’edera rischiarassero le idee offuscate dal troppo bere e avessero proprietà refrigeranti e diuretiche e che il succo di edera bianca togliesse i fastidi alle narici.
Le principali proprietà riconosciute dell’edera sono in particolare antinfiammatorie, sedative della tosse e antimicrobiche dovute alla alfaederina. Le parti utilizzate per le preparazioni erboristiche sono le foglie.I principali costituenti dell’edera sono i flavonoidi (quercetina, kampferolo e acido caffeilchinico), i poliacetileni e le saponine triterpeniche (alfaederina ed ederagenina). La pianta è molto efficace per calmare le tossi stizzose, per dilatare i bronchi e favorire l’eliminazione dei catarri bronchiali. Questa proprietà è dovuta alla presenza di saponine triterpeniche, in particolare l’alfaederina, che tuttavia hanno un certo grado di tossicità e rendono sconsigliabile usare preparazioni fatte in casa, perché un errore nel dosare il composto potrebbe produrre seri problemi. Meglio usare prodotti erboristici chiedendo informazioni all’erborista stesso. L’edera è però sicura per uso esterno. I decotti e gli infusi esercitano un’azione anestetica e antinevralgica nei dolori reumatici, nella sciatica e nell’artrite e inoltre sono state provate benefiche proprietà anche nella cellulite, dove l’azione anestetica permette di massaggiare profondamente, mentre l’azione vasocostrittrice favorisce il riassorbimento dei liquidi che ristagnano sui tessuti. Le controindicazioni per i prodotti erboristici sono per chi soffre di gastrite e di ulcera peptica, mentre le interazioni con i farmaci possono produrre problemi con i FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei) e possono ridurre l’assorbimento dei farmaci stessi usati per via orale. Da notare infine che ci sono stati casi di intossicazione per ingestione di foglie e bacche di edera.
Foto di bengt-re

Leggi anche:
Grindelia, un buon rimedio contro la tosseIl genere Grindelia, della famiglia delle Asteraceae (Compositae), comprende numerose specie, ma oggi parliamo della Grindelia camporum, nota anche con i sinonimi di G. bracteosa, G. paludosa, G. procera e...
Infuso di farfara, contro gli ultimi attacchi della tosse invernaleLa farfara (Tussilago farfara L.), della famiglia delle Asteraceae, originaria dell’Europa, dell’Asia e dell’Africa settentrionale è una pianta erbacea perenne che cresce dappertutto, ma preferisce i luoghi umidi e i...
Timo comune, antisettico ed espettoranteIl genere timo (Thymus) comprende circa 300 specie che appartengono alla famiglia delle Lamiaceae. Il timo comune (Thymus vulgaris L.) è quello che adesso prendiamo in considerazione. Piccola erbacea perenne,...
L’Eleuterococco aumenta le difese immunitarieL’Eleuterococco (Eleutherococcus senticosus) è un arbusto spinoso appartenente alla famiglia delle Araliacee. Alto approssimativamente da uno a tre metri, è originario dell’Asia nord orientale (Siberia, e in alcune regioni del...
Antinfiammatorio, analgesico, decongestionante ecc. quel toccasana dell’elicriso italicoAppartenente alla famiglia delle Astaraceae il genere Helichrysum comprende circa 600 specie. Quella che trattiamo in questo post è  quella denominata H. italicum che è una piccola pianta cespugliosa perenne...