Grow

12 alimenti dal Regno vegetale che aiutano a migliorare il nostro cervello

Il cervello umano al limite “Mai più intelligenti di così” è il titolo di un interessante articolo uscito su Repubblica di ieri dove si scopre che, pur rappresentando solo il 2% del nostro peso corporeo, il cervello consuma circa il 20% dell’energia che produciamo; non solo: sembra che abbia raggiunto il suo limite di intelligenza e in questo senso difficilmente potrà migliorare; in teoria non lo metterei in dubbio, in realtà però su questo punto mi sento di obiettare: vista l’infinita stupidità che contraddistingue buona parte del genere umano, per la materia grigia c’è ancora molto da lavorare e per questo può tornare utile l’elenco di 12 alimenti provenienti dal Regno vegetale che aiutano a migliorare il nostro cervello. Vediamo quali.

1) Mirtillo
Uno dei frutti più buoni in assoluto, il mirtillo rappresenta anche un pieno di salute per il nostro organismo e in particolare per il cervello, anzi per molti studiosi sono il miglior cibo per il cervello presente in natura: i ricercatori hanno scoperto che i mirtilli aiutano a proteggere la materia grigia dallo stress ossidativo e possono ridurre il rischio di contrarre malattie legate all’età come l’Alzheimer e la demenza senile. Altri studi hanno dimostrato che diete ricche di questo frutto hanno migliorato sensibilmente la capacità di apprendere dei ratti, riducendo in modo notevole il loro invecchiamento cognitivo e rendendoli equivalenti ai ratti più giovani.

2) Frutta secca
Noci, nocciole e mandorle ma anche semi di girasole, di sesamo e di lino sono buone fonti di vitamina E che è fondamentale per il nostro cervello perché tra le altre cose riesce a frenare il declino cognitivo legato all’invecchiamento. Le noci in particolare poi sono ricche di grassi benefici che combattono il colesterolo “cattivo” aiutando la circolazione e di conseguenza anche l’afflusso di sangue al nostro cervello.

3) Caffè
Anche se è importante non esagerare, il caffè è sicuramente un alimento importante per potenziare il nostro cervello. Oltre a contenere molti antiossidanti, utili a combattere i radicali liberi e a prevenire problemi cardiovascolari, molti studi hanno dimostrato come il caffè riesca ad aumentare la capacità di attenzione, ampliare la concentrazione e accrescere la memorizzazione.

4) cereali integrali
Pane, riso e farine integrali aiutano indirettamente il cervello perché riducono il rischio di malattie cardiovascolari e, se il flusso sanguigno arriva in modo ottimale a tutti gli organi del corpo, significa che tutto funziona a meraviglia, cervello incluso. I benefici dei cereali integrali non si esauriscono certo qui ma hanno anche un effetto diretto per il nostro cervello perché, oltre alla fibra, contengono anche la già citata vitamina E e alcuni omega-3

5) Fagioli
Cosa c’entrano i fagioli con il cervello? semplice: assicurano l’energia che la materia grigia consuma in abbondanza rilasciando lentamente glucosio garantendo rifornimento costante per buona parte della giornata e senza causare problemi con la glicemia. In più contengono fibre, vitamine, minerali e proteine, tutte sostanze che tornano utili al nostro cervello.

6) Melagrana
Il cervello è probabilmente la parte del corpo umano più sensibile ai danni da radicali liberi con conseguenze molto gravi per la sua salute. Per scongiurare questi effetti negativi ci viene incontro la melagrana che è un’importante fonte di antiossidanti molto potenti che riescono a proteggere il cervello dai danni causati dai radicali liberi.

7) tè
Bevanda benefica per eccellenza il contiene una modesta quantità di caffeina che, usata “con giudizio”, può aiutare il cervello, migliorando la memoria, la concentrazione e l’umore. Il tè contiene inoltre potenti antiossidanti, in particolare le catechine, un vero toccasana non solo per il cervello ma per tutto l’organismo.

8) Olio d’oliva
Anche l’olio d’oliva gioca un ruolo fondamentale per il nostro cervello, che non ha bisogno solo di glucosio ma anche di grassi, purché di quelli “buoni”. Alcuni studi hanno infatti dimostrato che diete poverissime di grassi sono nocive per il cervello perché causano confusione, sbalzi d’umore e insonnia; viceversa, un regime alimentare ricco di grassi essenziali porta a una mente brillante, aiuta la memoria e favorisce uno stato d’animo più equilibrato.

9) Aglio
Non storcete il naso, se non vi piace l’aglio non solo non sapete cosa vi perdete ma rinunciate anche a un alimento indispensabile per la salute, anche del cervello: non solo è favoloso per ridurre il “colesterolo cattivo” e per rafforzare il sistema cardiovascolare, ma esercita anche un effetto antiossidante protettivo del cervello.

10 Verdure a foglia verde
Spinaci, cavoli, bietole, lattuga, rucola e quant’altro a foglia verde sono ricchi di ferro la cui carenza porta tra le altre cose ad affaticamento, sbalzi d’umore, stato confusionale e altri problemi di cognitivi: mangiare dunque queste verdure in abbondanza.

11) pomodoro
Il pomodoro è la maggiore fonte di licopene presente in natura. Il licopene è un antiossidante potentissimo che non risulta utilissimo solo contro l’insorgenza di alcuni tumori (quelli della prostata in primis) ma aiuta il cervello a difendersi dai radicali liberi e a prevenire l’insorgenza della demenza senile e dell’Alzheimer. Ricordo che più che si cuoce il pomodoro e più licopene si ottiene.

12) cacao
Concludiamo in bellezza: il cacao ha importanti proprietà antiossidanti, contiene diverse sostanze stimolanti naturali come la caffeina (come già visto in grado di migliorare attenzione e concentrazione) e stimola la produzione di endorfine che aiutano a migliorare l’umore.

  • Mattiailgiardiniere

    molto interessante l’articolo… spero che mangiando questi alimenti io possa diventare sul serio più intelligente!!!
    leggete quel che scrivo su:
    http://appuntiverdi.blogspot.com/